Interventi sulla casa: perchè farli entro questo anno?

By Fabrizio Porta In News No comments

Quando si ha in mente di ristrutturare la casa o di fare interventi migliorativi su di essa, molto spesso, la maggior parte delle persone tende a temporeggiare. A volte perchè si è in difficoltà con le numerose attività burocratiche da ottemperare in questi casi. Ecco allora un buon motivo per rimboccarsi le maniche, e portare a termine gli interventi sulla casa entro la fine del 2018.

Innanzitutto bisogna ricordare che la manovra di governo per il 2019 potrebbe rivalutare o, addirittura eliminare, le detrazioni fiscali attualmente in vigore, per gli interventi migliorativi sulle abitazioni. Scopriamo allora quali sono i bonus che si potrebbero perdere con l’arrivo dell’anno venturo.

BONUS RISTRUTTURAZIONI

Attualmente il bonus ristrutturazioni riguarda  le spese per opere di manutenzione straordinaria, ristrutturazione su abitazioni o su parti comuni di edifici condominiali, nonchè interventi di restauro o risanamento conservativo. Tra gli interventi che rientrano in questa casistica, i principali sono (a titolo di esempio): costruzione di autorimesse o posti auto pertinenziali, realizzazione di sistemi volti all’eliminazione delle barriere architettoniche (ascensori o montacarichi), installazione di sistemi di prevenzione antifurto.

Al momento corrisponde a una detrazione sull’Irpef del 50%, con un massimale di 96 mila euro. Nulla è ancora confermato per ora, ma da alcune notizie di mercato, si evince che si potrebbe ritornare alla detrazione del 36% con un limite di spesa di 48 mila euro.

ECOBONUS 

L’Ecobonus racchiude una serie di provvedimenti che rendono meno onerosi i costi da sostenere per effettuare lavori nell’abitazione, che abbiano come obiettivo finale un generale miglioramento dell’efficienza energetica. La manovra finanziaria prevede sicuramente un aggiornamento sul valore di questa detrazione che, fino al 31 dicembre 2018 si attesta al 50%, ma poi potrebbe rischiare un abbassamento. Ricordiamo che già lo scorso anno, gli interventi per la sostituzione degli infissi hanno avuto un ridimensionamento, passando dalla detrazione del 65% al 50% attuale.

Attualmente il quadro per il 2019 è ancora incerto ma, basandosi sull’esperienza degli anni passati, è sempre meglio non aspettare il passaggio all’anno successivo, per non vedere ridimensionati i benefici fiscali per gli interventi sulla casa. A volte a spaventare è la burocrazia richiesta per il settore edilizio. La soluzione in questo caso è affidarsi a un’azienda professionale del campo, che possa fornire consulenza non solo nell’ambito della progettazione, ma anche sul piano organizzativo delle pratiche che devono essere presentate prima di iniziare un lavoro. Una volta scelto un valido professionista, bisogna stabilire un budget in fase preventiva per avere ben chiaro come procedere. L’azienda a cui verrà affidato il lavoro, dovrà occuparsi anche di seguire l’avanzamento dei lavori per tutta la durata del tempo. La scelta più vantaggiosa è quella di affidarsi a un’impresa che fornisce un servizio “chiavi in mano”, che gestisce direttamente i rapporti con tutte le figure che rientrano nel progetto.